Cinque motivi per rimuovere il guano da sottotetti e monumenti

La problematica dell’accumulo del guano dei volatili da sottotetti e monumenti può essere risolta con adeguate opere di asportazione, pulizia e bonifica effettuate da imprese altamente specializzate come Skypest.

Ma per quale ragione si dovrebbe procedere in questo senso? In questo articolo, vi offriamo cinque buoni motivi per rimuovere il guano da sottotetti, monumenti e in generale da superfici che potrebbero vedersi danneggiate dagli accumuli di escrementi.

Prima di tutto, però, facciamo un passo indietro e partiamo dalle definizioni.

Che cos’è il guano

Si definisce guano una sostanza organica risultato della decomposizione degli escrementi depositati dagli uccelli. Tipicamente, questo materiale tende ad accumularsi su tetti, sottotetti, grondaie, cornicioni, davanzali e monumenti e, nel caso in cui i volatili abbiano accesso a strutture abbandonate, anche all’interno degli ambienti.

È importante sottolineare che l’accumulo di guano di volatile rappresenta una criticità di tipo igienico, e che per questa ragione si dovrebbe sempre operare in modo tale da rimuoverlo regolarmente con il supporto di professionisti competenti.

Ma perché va eliminato?

Perché rimuovere il guano da sottotetti, monumenti, davanzali: cinque buoni motivi

Il guano genera corrosione: il materiale organico decomposto depositato dai volatili può risultare altamente corrosivo per le strutture, specialmente se non eliminato con costanza. In alcuni casi, l’accumulo di guano può generare non soltanto il danneggiamento delle superfici, ma persino il loro sgretolamento.

  1. Può otturare le aperture: quando si deposita nei sottotetti o nelle grondaie, il guano accumulato può arrivare a occludere punti di apertura o addirittura a rompere i pluviali degli edifici, con conseguenti gravissimi danni e inevitabili – ed elevati – costi di manutenzione a carico degli occupanti.
  2. Porta con sé batteri e agenti patogeni: una delle ragioni più importanti che dovrebbero spingere a rimuovere il guano da sottotetti, monumenti e in generale da qualunque superficie sia più o meno in contatto con gli esseri umani ed altri animali riguarda la carica patogena che questo materiale organico porta con sé. La decomposizione degli escrementi dei volatili può infatti rivelarsi un efficace veicolo di trasmissione di diverse patologie, alcune delle quali anche gravi: salmonellosi, borrelliosi, encefalite, toxoplasmosi, ornitosi e persino tubercolosi. Limitarsi a non toccare il guano depositato potrebbe non essere sufficiente, dal momento che i batteri tenderanno a disperdersi nell’aria e a depositarsi su altre superfici, se non addirittura sugli alimenti che consumiamo.
  3. Può contenere parassiti: non tutti sanno che, oltre a veicolare batteri pericolosi per la salute di persone e animali, il guano di volatile accumulato e decomposto può contenere anche una serie di parassiti dannosi, come le zecche molli, gli acari e persino le pulci.
  4. Contribuisce al degrado delle città: per loro natura, monumenti e opere d’arte andrebbero sempre tutelati e mantenuti in eccellenti condizioni estetiche, funzionali e igieniche. Lo stesso principio può essere naturalmente applicato alle nostre case, a partire da tetti e sottotetti. Rimuovere il guano da sottotetti e monumenti è dunque una strategia efficace per contribuire alla riduzione del degrado delle nostre città.

Desideri procedere alla pulizia e sanificazione dal guano di volatile? Entra subito in contatto con gli esperti di Skypest.

Consigli e suggerimenti per scacciare i passeri dal condominio

Quali sono i migliori consigli e suggerimenti per scacciare i passeri dal condominio? La convivenza con questi animaletti è possibile senza che, necessariamente, essi si trovino a nidificare su grondaie, davanzali, balconi e sottotetti e, attualmente, è disponibile una serie di soluzioni funzionali e innocue che si limita semplicemente ad allontanare i passeri senza causare loro alcun danno.

Nei condomini e, più in generale, in edifici abitati di qualunque capienza e dimensione può accadere che i passeri trovino dimora o che transitino o sostino continuamente, generando una serie di problematiche. I sistemi antivolatili e i dissuasori per uccelli possono, in questo senso, contribuire a scacciare i passeri dal condominio invitandoli a trovare casa altrove.

Perché scacciare i passeri dal condominio?

I passeri sono tra gli uccelli più comuni con i quali coesistiamo da sempre. Per procedere ad allontanarli nel modo migliore, è però opportuno sapere qualcosa di più su di loro.

Come è noto, questi uccelli hanno dimensioni molto contenute, e questo permette loro di nidificare anche in angoli e pertugi che sono difficilmente accessibili per gli esseri umani, con conseguenti difficoltà a individuarli. Inoltre, i passeri non sono uccelli migratori, e dunque restano nelle nostre città dodici mesi all’anno.

Questi animali, molto adattabili per natura, si nutrono di grano, larve di uccelli, semi e foraggio per il bestiame ma, nelle nostre città, sono spesso attirati dall’immondizia abbandonata per le strade. Dal punto di vista riproduttivo, i passeri costruiscono i loro nidi in primavera e depongono le uova da aprile ad agosto circa. I pulcini prenderanno il volo a circa un paio di settimane dalla nascita.

Infine, è essenziale ricordare che i passeri, animali gregari, vivono in stormi che possono essere ovviamente molto numerosi soprattutto durante i mesi delle nidiate. Oltre al rumore che questi uccelli possono generare, andrà tenuto in considerazione anche il danno causato dai loro escrementi.

Come scacciare i passeri dal condominio?

La prima regola per scacciare i passeri dal condominio, o quantomeno per non favorire il loro arrivo, riguarda il mantenimento di buone abitudini igieniche per quanto riguarda la gestione della spazzatura e gli avanzi alimentari. Come accennato poco sopra, infatti, questi volatili si trovano talvolta a nutrirsi dei resti del nostro cibo, specialmente in ambito cittadino, dove la loro alimentazione naturale potrebbe scarseggiare. Non abbandonare i rifiuti è dunque il primo ed essenziale passo da compiere.

Per quanto riguarda invece l’allontanamento vero e proprio, una soluzione ad hoc andrà individuata a seconda della particolare situazione, della tipologia dell’edificio e dell’entità del problema. In questo senso, gli specialisti di Skypest effettueranno per voi una valutazione delle strutture architettoniche presenti e del sistema più efficace e meno invasivo per scacciare i passeri.

In linea generale, comunque, esistono una serie di sistemi che è possibile mettere in atto. I più conosciuti sistemi antivolatili includono:

  • Le barriere: composte da particolari reti ornitologiche, possono in alcuni casi fornire una soluzione immediata al problema della permanenza e nidificazione dei passeri senza alterare in modo visibile la struttura. Sono ideali per evitare che gli uccelli si posino o penetrino in determinate zone dell’edificio.
  • I dissuasori o spuntoni: talvolta composti da aghi realizzati in acciaio inossidabile, contrariamente al credere comune non fanno alcun male agli animali. Va infatti ricordato che lo scopo di queste soluzioni è allontanare i volatili, non ferirli né tantomeno ucciderli (comportamento peraltro illegale!). I dissuasori ad ago fanno in modo, semplicemente, che i passeri o i piccioni non abbiano più spazio a sufficienza per posarsi e che dunque volino altrove.
  • Gli scacciapasseri sonori: rappresentano la soluzione più tecnologicamente evoluta per scacciare i passeri dal condominio perché sono progettati esclusivamente per allontanare questa tipologia di volatili, grazie alla tipologia di suono emesso, che non ha effetto né sull’uomo né sugli altri animali.

Desiderate mettere a punto un sistema efficace per scacciare i passeri dal vostro condominio? Gli esperti di Skypest sono a vostra disposizione per una consulenza.